Cos’è un vetro temprato?

Si tratta di un vetro che ha subito un trattamento termico controllato, detto appunto tempra, che consiste nel portare il vetro ad una temperatura di circa 650°C per poi raffreddarlo bruscamente. Questo conferisce l’aumento delle proprietà termiche e meccaniche (circa 6 volte maggiore del vetro normale). In caso di rottura questo vetro si sbriciola in frammenti piccolissimi ed inoffensivi tanto da essere considerato in determinate applicazioni un vetro antiferita secondo la norma UNI EN 12600. La normativa di riferimento circa il vetro di silicato calcico di sicurezza temprato termicamente è la UNI EN 12150-1. Come previsto dalla presente norma tutte le lavorazioni di trasformazione (taglio, molatura, sagomatura, foratura, etc.) devono essere effettuate PRIMA del trattamento di tempra dopo il quale il vetro non può esser più ritoccato.